© Simon Perathoner

© Simon Perathoner

ŠTEFAN PAPČO

 

*1983, Ružomberok (SK)
Vive e lavora a Bratislava (SK).

G2
Jaroslav/ Citizens, 2018
Legno, 110x97x92 cm
Per gentile concessione dell’artista e di ZAHORIAN & VAN ESPEN

Le opere di Papčo’s esposte alla Biennale Gherdëina VI sono un omaggio agli eroi della montagna. La serie Citizens, eseguita in bronzo e legno, consiste in ritratti scultorei di tre alpinisti, di nome Jaroslav, Miroslav e Andrej. La figura di Jaroslav è stata collocata dall’artista sulle colline di Col de Flam, mentre Andrej è collocata sulle rocce intorno a Cortina nelle Dolomiti ed è visibile attraverso un live stream installato presso il Circolo artistico e culturale di Ortisei.
«Ad alta quota, la mia guida mi ha insegnato il freddo comodo. “Se ti raggomitoli” mi ha detto, “se ti proteggi e ti vesti, il nemico ti penetrerà fino al fegato. Il freddo è più invasivo di te. No, devi presentarti, scoprirti e andargli incontro, farlo amico. Ti rispetterà. Trasforma un contro in un pro”. Ma senza oltrepassare il limite letale. “Tuffati in mare o in un fiume. Se sguazzi e lotti contro l’acqua, ti soffocherà, ti annegherà. No. Trasforma un fuori in un dentro. Diventa amico dell’acqua che ti anima e ti sosterrà, ti accarezzerà. Non sarai più in grado di lasciarla. Come un pesce. Scala la parete rocciosa. Se ti fai spaventare dalla gravità verticale, ti scaglierà giù, ti spingerà nel vuoto, e tu cadrai. No. Trasforma il contro in un con. Accarezza la roccia come fosse un’amante e ti aiuterà e ti offrirà delle prese. E tu la scalerai con il cuore leggero. Come un camoscio. Vola nell’aria, con un deltaplano o un windsurf, con un’ala a delta o un kitewing. Come un uccello”».