Dolomieu  © Simon Perathoner

Dolomieu
© Simon Perathoner

GREGOR PRUGGER

 

*1954, Ortisei (I)
Vive e lavora a Ortisei (I)

B8
Dolomieu, 2018
Legno

B8
Dolomiti/Dolomieu
Giornale (Edizione speciale 23 giugno 2018)
46 x 31 cm

B8
Tief verbunden, 2018
Legno
Dimensioni variabili

B8
Wanderstöcke, 2015
Legno
Altezza: 164 cm, 170 cm, 186 cm, 166 cm

B8
Writing the Mountains, 2018
Polvere di dolomia
66 x 107 cm

GUARDA LE ALTRE OPERE DI GREGOR PRUGGER ESPOSTE AL CIRCOLO ARTISITICO E CULTURALE

Nel suo contributo alla Biennale Gherdëina VI, Prugger adotta un approccio concettuale. Come risposta al tema della rassegna e in omaggio al suo “ospite d’onore”, Déodat de Dolomieu, Prugger ha scolpito un busto del famoso geologo francese, ispirato a un’incisione di fine Settecento, abbinandolo alla prima pagina incorniciata del principale quotidiano locale Dolomiten, la cui intestazione è modificata in Dolomieu. Così festeggia il 268° compleanno il 23 giugno del “Padre delle Dolomiti”, rendendo omaggio simbolico sia allo scienziato esploratore sia alla montagna stessa e alla comunità locale. La montagna costituisce il biotopo di Prugger di cui racconta l’identità. Con l’opera testuale, Writing the Mountains, l’artista impiega un sottile strato di pietra come lavagna per esporre l’atto stesso della scrittura con polvere di dolomia macinata. Profondamente tautologica, l’opera costituisce il manifesto gestuale dell’artista, un ritratto della montagna come luogo di resilienza in continua trasformazione.