Perfomance at the opening: Alessandro De Francesco and Laila Dell'Anno at the Diogenes's Barrel © Simon Perathoner

Perfomance at the opening: Alessandro De Francesco and Laila Dell'Anno at the Diogenes's Barrel
© Simon Perathoner

ALESSANDRO DE FRANCESCO

 

*1981, Pisa (I)
Vive a lavora a Basilea (CH)

B2
Sureghes / Überwasser / Oltretorrente
Ciclo di sei poesie per la Biennale Gherdëina VI
Stampa digitale su carta, incorniciata

Traduzione in lingua tedesca: Laila Dell’Anno
Traduzione in lingua ladina: Milva Mussner
Traduzione in lingua inglese: l'autore con Andreas Burckhardt

LEGGI LE POESIE SUREGHES/ ÜBERWASSER / OLTRETORRENTE DI ALESSANDRO DE FRANCESCO
GUARDA LE POESIE ESPOSTE AL CIRCOLO ARTISTICO E CULTURALE

La narrativa poetica Überwasser/Sureghes/Oltretorrente di Alessandro De Francesco, commissionata per la Biennale Gherdëina VI e concepita dall’artista durante una breve residenza artistica in Val Gardena, è il manifesto dell’ “intima immensità” delle Dolomiti. Si tratta di una serie di tableaux sensuali che, insieme al lessico del linguaggio elementale della natura, offre un prototipo per gli scenari multipli di WRITING THE MOUNTAINS.
Le sei brevi poesie di De Francesco approfondiscono in modo gestuale e soggettivo l’essenza del luogo, la dimensione lirica e il rapporto con un essere umano. Il suo dialogo immaginario avviene con i boschi e le acque, con le linee curve delle vette, con la pelle infinita dello spazio… Un atto di generosità poetica e un riconoscimento dell’ospitalità e dell’unicità della natura.
Alessandro De Francesco vede la poesia come pratica artistica e le sue opere, definite da lui “arte del linguaggio”, sono focalizzate sull’interazione tra poesia, arte sonora, installazione scrittura digitale, e progettazione della pagina.  Gli “ambienti di lettura” e la “scrittura aumentata” di De Francesco consistono in valorizzazioni sonore  e visive di materiali testuali multipli tramite software relativo all’elaborazione digitale della voce e alla progettazione della scrittura.